Home decor

5 consigli per un piccolo (ma accogliente) angolo studio

Anche con pochi centimetri a disposizione si può ottenere un spazio di lavoro efficiente e curato. In questo post troverete il mio angolo studio e alcuni suggerimenti su come arredare la vostra area lavoro con organizzazione e creatività.

Quando ho visto per la prima volta la scrivania Lillasen all’Ikea sono rimasta colpita dalla sua semplicità. Il colore del bambù e il suo design minimal mi hanno dato subito un senso di tranquillità e concentrazione. Le misure, poi, erano perfette per lo spazio che avevo a disposizione in camera da letto, poco più di un metro tra l’armadio e la parete. Nonostante questo, però, sono riuscita ad attrezzare un angolo accogliente dove lavorare comodamente.

parete decorata dietro scrivania

 

Se anche voi, come me, siete sacrificati in un angolo di casa ma non volete rinunciare a una postazione piacevole e comoda, ecco gli altri suggerimenti.

5 consigli per un angolo studio in casa

sedia thonet

La mia sedia Thonet con alcuni degli oggetti della mia scrivania

 

Una parete libera, una bella scrivania, una sedia comoda. Gli elementi per lavorare ci sono tutti ma con alcuni dettagli mirati si può ottenere un posto più personale, che trasmetta positività, favorisca la concentrazione e, perché no? anche il buon umore!

1. Fate entrare la luce

Quanto sarebbe bello avere la scrivania accanto a una grande finestra che dà su un parco? Chi ha questa fortuna batta un colpo, io sono già felice di avere la mia accanto alla finestra sul terrazzo con tanta luce naturale.

Se vi trovate in una zona poco illuminata, optate per arredi chiari con lampade a muro e da tavolo, meglio se poco ingombranti, orientabili e magari con il dimmer, il regolatore di intensità. Io ho scelto un piccolo faretto Ikea che ho fissato alla mensola in alto per illuminare il piano di lavoro. Ci sono tante soluzioni tra cui scegliere, eccone alcune in queste immagini raccolte sul web.

Anche una lampada da terra può andar bene per avere la giusta illuminazione e poco ingombro. Se scegliete una lampada di design bella come la Wood Lamp di Muuto, che vedete nell’ultima immagine a destra, sarete sempre ispirati 🙂

2. Mantenete l’ordine intorno a voi

Ci sono momenti della giornata in cui ci si ritrova nel caos tra penne e quaderni ma, prima di staccare, è bene riordinare la scrivania per il giorno dopo (trovare ogni cosa al suo posto vi renderà più produttivi). Attrezzatevi al meglio con pensili, scatole e contenitori, inserite alcuni cassetti sotto il piano. Io ho aggiunto una mensola in alto e un cassettiera Ikea, con soli 3 cassetti ma mettiamola così: meno spazio, più selezione e ordine. Credetemi, è la strada per ridurre oggetti e caos intorno a noi, una filosofia “lagom” di cui vi parlerò presto sul blog.

3. Tenete tutto sott’occhio

Vi piace avere sott’occhio idee, appunti e foto? Create una moodboard per caricarvi di energia e ispirazione durante il lavoro. Vi basta un pannello di sughero o una parete verniciata con pittura lavagna, disponibile anche in versione magnetica. Se non avete voglia di mettervi all’opera con i pennelli, comprate un foglio adesivo con effetto lavagna.

North London Apartment eclettico-studio

Un’altra idea pratica è adoperare una rete metallica come la mia, da acquistare su misura in ferramenta. Se vi piace quest’idea, leggete il post in cui vi racconto della rete da cantiere usata per arredare il mio corridoio.

In alternativa, potete usare anche un pannello forato per utensili e realizzare una soluzione come questa.

pannello forato scrivania

Pinterest

Bello, vero? Per realizzare questo pannello, ormai famoso con il nome di pegboard, seguite questo tutorial di CasaFacile che vi spiega come attrezzare una parete con il pegboard.

4. Trovate energia nel verde

In primavera sulla mia scrivania non mancano mai fiori freschi, ma anche gli scaffali pieni di succulente e edere cascanti danno vitalità e colore all’ambiente. Scegliete un cactus come ho fatto io oppure circondatevi di verde con qualche nota vintage ed etnica in pieno stile Jungalow, una sorta di giungla come si spiega meglio in questo articolo sul magazine di Houzz.

ufficio stile jungalow

@oidim

Se non avete il pollice verde, comprate un semplice Pothos, una sempreverde che resiste bene in casa oppure affidatevi a decorazioni a tema botanico, da stampare in casa o cercare nei mercatini vintage.

angolo studio con stampe botaniche

Pinterest

angolo studio con stampe botaniche

© Lene Bjerre

5. Aggiungete il vostro tocco di stile

Immagini che vi ispirano, la vostra mug preferita, oggetti di design, per essere davvero perfetto l’angolo studio deve esprimere la vostra personalità.

Io ho sempre accanto un quadretto con frase motivazionale di Mr. Wonderful e, proprio di fronte a me, c’è una vecchia copertina di Vogue. Ogni volta che stacco gli occhi dalla tastiera, la guardo e mi fa sognare…

Ecco alcune soluzioni da cui trarre ispirazione.

Vår lägenhet eclettico-studio
angolo scrivania in casa

mammacare.de

angolo scrivania in casa

Urban ART Berlin

 

Ora non vi resta che guardarvi intorno e individuare lo spazio giusto da arredare e personalizzare a modo vostro. Intanto fatemi sapere cosa ne pensate, aggiungereste altri consigli alla mia lista? 

Rispondete nei commenti qui sotto, sulla pagina facebook di Chasing the beauty  o su Instagram, dove vi mostrerò qualcosa di più del mio adorato #workspace.

 

2 Commenti

  1. Emanuela Cappelli

    3 febbraio 2018 at 0:07

    Ciao Angela! volevo ringraziarti per i consigli che ci hai dato e farti i complimenti..per il tuo spazio angolo/studio.
    Sono sempre alla ricerca di ispirazioni per poter arredare e arricchire il mio angolino della casa..dove mi rifugio nel silenzio della sera o nella luce della mattina per scarabocchiare, dipingere e lavorare 😉
    tanto per iniziare, la piccola griglia appesa al muro sarà uno dei miei prossimi acquisti! a presto, brava!

    1. Angela

      5 febbraio 2018 at 17:06

      Grazie per il tuo commento, Emanuela. C’ho messo un po’ di tempo per completare il mio angolo studio ma ora posso dirmi soddisfatta. La griglia sicuramente è un buon inizio, fammi sapere come la userai 😉

Lascia un Commento